FIBROMI UTERINI

Operare senza tagliare e rimuovere senza asportare. 

Niguarda è il primo ospedale in Italia ad offrire un nuovo approccio con tecnica mininvasiva per il trattamento dei fibromi uterini, una patologia che interessa il 25- 30% della popolazione femminile in età fertile.
I fibromi uterini (o miomi) sono tumori benigni del tessuto muscolare dell’utero, la loro crescita dipende anche dagli ormoni ovarici in circolo e, di solito, si osserva una certa familiarità. Non sempre danno segni della loro presenza e la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che vadano trattati soltanto se provocano sintomi, tra questi vi sono ad esempio eccessive perdite di sangue e disturbi urinari; a volte i fibromi possono essere anche causa di infertilità.
Fino ad oggi l’intervento chirurgico di miomectomia (asportazione dei fibromi) rimane elettivo.
Talvolta nelle donne senza desiderio di fertilità, seppure impropriamente, viene proposta l’isterectomia cioè la asportazione di tutto l’utero.
Si è diffusa, inoltre, da alcuni anni la tecnica dell’embolizzazione: sotto controllo radiografico sono iniettate selettivamente
nelle arterie uterine delle particelle calibrate per bloccare l’afflusso di sangue al fibroma e causarne la necrosi. Si tratta comunque di una tecnica invasiva che necessita di una sedazione significativa.
La nuova procedura è invece costituita dall’ablazione con ultrasuoni focalizzati guidati dalla risonanza magnetica.
Grazie ad immagini tridimensionali un fascio di ultrasuoni ad alta intensità viene indirizzato sul fibroma, fino a bruciarlo. La paziente è distesa sul lettino a pancia in giù, appoggiando l’addome sulla sorgente di ultrasuoni, come se stesse eseguendo una normale ecografia con tanto di gel, ma in posizione rovesciata.
La percentuale di successo sfiora il 100%”.
Il fibroma non viene rimosso ma cambia consistenza; da nodulo solido si trasforma in area necrotica e nel tempo viene riassorbita.
Niguarda è l’unico ospedale che può disporre della tecnica laparotomica (la chirurgia tradizionale, che ha ancora qualche indicazione), della tecnica laparoscopica (che pochi centri eseguono in presenza di grossi miomi), della embolizzazione e degli ultrasuoni focalizzati, consentendo a medico e paziente di effettuare la scelta migliore per la patologia.
 

Ultrasuoni focalizzati prenotazioni visita di idoneità
In seguito ad una diagnosi di fibroma uterino da parte del ginecologo o radiologo, è possibile prenotare la valutazione al trattamento con impegnativa per "visita multidisciplinare per valutazione fibromi uterini" contattando la segreteria dell'ambulatorio di ginecologia:
lun-ven: 8.30 - 15.30
Tel: 02 6444.2453

In caso di referti di risonanza magnetica recenti, è consigliato portarli al momento della visita di valutazione.
In caso contrario, qualora lo specialista lo ritenga opportuno, prescriverà tale esame al termine della visita stessa.

 

VEDI ANCHE

PDF ALLEGATI

Trattamento con ultrasuoni focalizzati guidati dalla risonanza magnetica 0.15 MB
ULTIMO AGGIORNAMENTO 11 novembre 2015