ANORESSIA E BULIMIA

Patologie che infieriscono colpi durissimi al corpo, e che molto spesso si correlano ad un forte disagio che nasce nella mente.

Parliamo di anoressia, bulimia o i binge eating disorders (disturbi da alimentazione incontrollata).
E’ difficile avere statistiche ufficiali in merito alla loro diffusione, ma di recente il Ministero della Salute segnala un incontrovertibile allargamento del fenomeno che diventa sempre più precoce e preoccupante.
L’incidenza dell’anoressia nervosa è stimata essere di almeno 8 nuovi casi per 100.000 donne in un anno, mentre quella della bulimia nervosa è di almeno 12 nuovi casi per 100.000 donne.

Uno studio del 2010 relativo alle ospedalizzazioni per anoressia nervosa in Italia ci dice che l’incidenza nella fascia di popolazione femminile tra i 10 e i 19 anni è di 23 casi su 100.000 ragazze. 

L’impressione è di avere a che fare con una patologia nascosta e forse questo è uno dei motivi che spiega perché è così difficile trovare dei dati epidemiologici.
C’è l’aspetto della negazione da parte del paziente, che viene messo in conto da parte di noi specialisti e che frequentemente porta da un ritardo nel trattamento. Ma il disconoscimento è più ampio, c’è una negazione a tutti i livelli, dalla società ai famigliari, dalla scuola al medico di base, agli altri specialisti.

Una ventina di anni fa questo tipo di disturbi si identificavano con certe classi sociali, quelle medio-alte con buon livello culturale. Attualmente non è più così, il problema è trasversale. E anche i pazienti maschi, se prima erano un’assoluta rarità, oggi sono 1 caso su 10.

 

Come si interviene contro queste patologie

Il percorso richiede un’équipe dedicata composta da più specialisti: dal medico internista-nutrizionista al dietista, agli infermieri con formazione specifica, fino ad arrivare agli specialisti della sfera psichiatrica e psicologica. Gli sforzi sono orientati ad una progressiva rieducazione alimentare e nel percorso di cura sono coinvolti in prima persona anche i genitori.

VEDI ANCHE

PATOLOGIE
Anoressia nervosa