ASBIN Associazione Spina Bifida Idrocefalo Niguarda

Associazione di volontariato attivo

SEDE c/o NIGUARDA:

Area Nord - Unità Spinale


PRESIDENTE: Marco Zuccollo

ORARIO

lun-ven: 10.00-13.00



Sito Web: http://www.asbin.it
Email: mail@asbin.it
Telefono: 02 6444.2161
ATTIVITA'

Assistenza ai bambini affetti da spina bifida e sostegno ai loro genitori.

 



Al via i lavori per la costruzione del centro polifunzionale: lo Spazio Vita



Non si può parlare di primo mattone posto, visto che la struttura sarà un moderno e soprattutto ecosostenibile pre-fabbricato in legno, ma si può proprio dire che lo Spazio Vita finalmente prende vita. Dal 2011 AUS Niguarda (Associazione Unità

Spinale) e ASBIN (Associazione Spina Bifida e Idrocefalo Niguarda) sono state impegnate nella raccolta dei fondi per costruire il centro polifunzionale. Quei 450 metri quadrati in più a disposizione dei pazienti dell’Unità Spinale, in cui svolgere tutte le attività socio-integrative del percorso di riabilitazione, fino ad ora solo immaginati e progettati, si apprestano a diventare realtà con l’inizio dei lavori per la costruzione della struttura. “La realizzazione del centro rappresenta il completamento del progetto di riabilitazione globale che caratterizza l’Unità Spinale Unipolare - ha spiegato Tiziana Redaelli, Direttore dell’Unità Spinale fino al 2015, in occasione della conferenza stampa di inizio lavori -. Qui ai pazienti, che hanno subito una lesione al midollo spinale e che riportano una disabilità spesso molto grave, accanto alle cure sanitarie viene offerto un supporto a 360 gradi per la riprogettazione della propria vita”. Il grande involucro in legno, esempio di bio-edilizia a basso impatto ambientale, è praticamente pronto e l’inizio del montaggio in loco è attesa per maggio. Successivamente saranno completati tutti i lavori per rendere operativo il centro. “Quello che ci auspichiamo è l’apertura della struttura per il 2014 - ha detto Giovanna Oliva, Presidente di AUS Niguarda, che si è inoltre soffermata sul nome scelto, “Spazio Vita”-. E’ emblematico: il centro sarà infatti un luogo pieno di attività, dove chi è stato colpito da una lesione così invalidante come la lesione al midollo spinale o coloro che convivono dalla nascita con una disabilità come la spina bifida, possano rimettersi in gioco, lavorare sulle loro abilità residue, fare arte, musica, informatica, sport, insomma riprendersi la vita”.

Marco Zuccolo, Presidente ASBIN ha invece posto l’accento sulla sinergia creatasi tra le associazioni che hanno lavorato insieme al progetto: “Solo il lavoro in rete permette di raggiungere obiettivi coì importanti”. A margine della conferenza c’è stato spazio anche per i saluti di Luca Barisonzi, il Caporal Maggiore degli Alpini rimasto gravemente ferito in Afghanistan in un attentato nel gennaio 2011 e riabilitato per diversi mesi a Niguarda. In questi ultimi 2 anni Luca si è impegnato in prima persona come testimonial per la campagna di raccolta fondi per Spazio Vita e altre importanti iniziative a favore dell’Unità Spinale.



Uno spazio per…

Il centro sarà aperto ai pazienti dell’Unità Spinale, persone che riportano lesioni al midollo spinale (esito di incidenti, traumi della strada, sul lavoro e sportivi), ai bambini e ai ragazzi affetti da spina bifida, ai loro familiari, ma anche a persone esterne para/tetraplegiche e con spina bifida, che potranno usufruire di attività di supporto psicosociale, formative e per il tempo libero difficilmente reperibili sul territorio.



Tante attività in un unico spazio

Presso il centro verranno realizzati i laboratori di arti e mestieri, pet therapy, un’aula informatica, gli sportelli informativi delle associazioni, uno spazio gioco e un’aula studio per i ragazzi, un laboratorio di valutazione funzionale per le attività sportive, un auditorium attrezzato per la proiezione di film, le sale per le attività di formazione ed incontri, le sale per i colloqui dello psicologo e dell’assistente sociale con i pazienti e i familiari.